25/08/2012

Josep Carreras in an interview for Bild am Sonntag: "I will sing for 3, maybe 4 years more"

In questo agosto di vacanze, spero per la maggior parte di voi, vi vorrei commentare questa intervista che Josep Carreras ha rilasciato alla rubrica settimanale Bild am Sonntag del quotidiano tedesco Bild, pubblicata la scorsa Domenica 12 Agosto. I contenuti sono molto interessanti e spaziano su temi molto differenti tra loro, dall'aspetto professionale, quindi pubblico, fino a quello più intimo del privato. 

bild.de (1)
bild.de (2)

Dopo averne dipinto il ritratto, insistendo sul contrasto tra l'apparente fragilità del volto e dei capelli imbiancati e la potenza della sua voce e della rassicurante stretta di mano, l'articolo riporta la conversazione avuta con il tenore catalano che si è mostrato molto felice di condividere i suoi piani futuri, tra cui spicca quello della nuova opera che sta nascendo dalla penna del compositore viennese Christian Kolonovits, ambientata nel periodo della Guerra Civile Spagnola. Carreras prevede di portarla anche di fronte al pubblico tedesco, grande intenditore in fatto di musica tanto quanto è ricca la storia della musica in Germania.
Sempre in Germania ci sono state ultimamente alcune incomprensioni all'interno della relazione con MDR che ha prodotto il José Carreras Gala per 17 anni: tali inconsistenze circa il futuro del Gala, che quest'anno verrà prodotto da MDR per l'ultima volta, hanno deluso il tenore che, in questi anni ha raccolto 96 milioni di euro da investire nella lotta contro la leucemia, e che confida questo 13 Dicembre di raggiungere i 100. Ancora non si è a conoscenza delle future edizioni del Gala, circa il canale televisivo che lo produrrà. Carreras, tuttavia, vorrebbe che la relazione con MDR continuasse.


Ammette di essere una persona instancabile, e per questo teme l'addio definitivo alla sua professione, consapevole del fatto che non tarderà ad arrivare. Dire che andrà avanti per altri 10 anni sarebbe troppo audace. Finché la sua voce funziona continuerà a cantare, ma con ogni performance sente che non ha a disposizione troppo tempo per potersi congedare con dignità. Tre, forse quattro anni ancora., ma smettere sarà davvero molto dura per me.

Quello che verrà dopo sarà ancora determinato da disciplina e passione, come nella parte "attiva" della sua vita. Certamente continuerà a lottare contro il cancro e prenderà più seriamente il detto di un amico "Un'ora al giorno, un giorno alla settimana, almeno una settimana all'anno da dedicare a sé stessi e ai propri cari.": per lui non è sempre stato così.
Questo potrebbe essere, come sostiene il giornalista, un motivo da attribuirsi anche alla fine del suo matrimonio con Jutta Jäger: certamente Josep Carreras poteva rimanere poco tempo a casa, ma ad ogni modo, come lui stesso rimarca, ha trascorso insieme a Jutta momenti meravigliosi, e si tratta di una separazione consensuale legata a motivi che riguardano esclusivamente i due diretti interessati. Anche ora, a divorzio ormai concluso, sono rimasti in contatto telefonico, o talvolta si scrivono. Com'è più che normale, spesso ci si chiede cosa non sia funzionato, ma un adulto è in grado di capire che il matrimonio non è cosa facile, come spesso succede alle coppie nella vita di tutti i giorni.
Ad ogni modo, Josep Carreras dall'alto dei suoi 65 anni si dice aperto a tutto quanto gli riserva la vita, e se questo include un nuovo amore, perché no? Non lo sta cercando, ma è curioso per ogni eventuale evenienza.

Il miglior modo per rilassarsi dopo una giornata estenuate è sempre la musica, indipendentemente dal genere, o la lettura di un libro: Carreras cita la sua ultima lettura che ha trovato molto divertente, "Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve" di Jonas Jonasson, mentre ascoltando la radio ha apprezzato le canzoni di Adele, senz'altro tra il meglio del pop attuale, nonostante il tenore avesse un debole per l'onestà che vedeva nella voce di Amy Winehouse, un'artista speciale che purtroppo ha perso la battaglia contro sé stessa. L'ultimo CD acquistato è "The Best of Lang Lang", un pianista che reputa fantastico, che suona il piano come altri digitano sulla tastiera di un computer.

Al sentirsi chiedere se è vero che i musicisti sono anche amanti appassionati risponde, sperando di essere esauriente, che ogni volta che decide di fare qualcosa, lo fa con tutto il cuore e con tutta l'energia e passione di cui è capace.


Key facts:

◦ In this month of August where, as I hope, most of you are on holidays, I would like to comment you a very interesting interview published in Bilt am Sonntag from the online german newspaper Bild.de, last August 12. Contents are very interesting, both on professional and private aspects of life. After describing his portrait, emphasising the contrast between his appearently weak aspect of his face with white hair, and the power of his voice and handshake, the article reported the conversation with the catalan tenor who showed himself to be happy to share his upcoming plans, especially about the new opera he is going to sing next year, writter by the viennese composer Christian Kolonovits, based on the Spanish Civil War. Carreras will probably perform it in front of the german audience too, as they know how to appreciate quality in music, as their musical history is so rich there. Always in Germany he had some misunderstanding with MDR which has produced the José Carreras Gala for 17 years: such ambiguous situation about the future of the Gala, which will be produced for the last time by MDR on December 13, annoyed Carreras who has been collecting 96 milions of Euro in the past editions, and hope to reach 100 milions this year. Still we don't know about the fiture of the Gala, especially about the new TV channel to produce it, anyway Josep Carreras would like the partnership with MDR to continue. 
◦ As he declares to be a restless person, he fears the "last aria", his farewell to his profession, even though he is well aware that this moment is everytime closer. To tell that he will continue 10 years more would be too brave: he will go on until his voice works, but he realises in every performance that there is not much time left to say goodbye with dignity: three, maybe four years more. It will be so hard for him. What is to come wil be still based on discipline and passion, as in the "active part" of his life. He will certainly keep on his fight against cancer, and will take into serious consideration what a friend of his used to say "An hour a day, one day a week, at least one week in one year to be dedicated to himself and his dear ones": it's not alyays been like that to him. 
◦ This could be the reason why, according to the journalist, his marriage with Jutta Jäger failed: he could certainly not stay long at home, but as he highlights, he had a wonderful time with Jutta, and they decide together to split up due to reasons involving them only. Still now that the divorce is completed, they keepgood contact by phone or they write each other. It's normal to wonder why it didn't work between them, but an adult can well understand that marriage is not easy, as all couples coping with problems of everyday life well know. 
By the way, Josep Carreras with his 65 years of life experience, said that he's still open to what life will bring to him, and if there is also a new love, why not? He's curious about the future, aven though he's not looking for it at the moment. 
◦ The best way to regain serenity after a hard working day is music, no matter the genre, or books: he mentions a funny reading of his. "The Centenarian who climbed out the window and desappeared" by Jonas Jonasson, while listening to the radio he appreciated a lot Adele, even though his favourite was Amy Winehouse: he judges her voice so honest and so special... what a pity that she lost the balle against herself. The las CD he bought is "The Best of Lang Lang", a fantastic pianist who plays in the same way other people can type on a computer keyboard. 
◦ When he's been asked if it's true that musicians are also passionated lovers he answers, hoping to be exhaustive, that when he decides to do something, he always does it with all his heart, energy and passion.

No comments:

Post a Comment

Recent comments