24/07/2014

Josep Carreras, guest of honor of Giuseppe Di Stefano's recital in Filetto (1985)

Il motivo del post di oggi è il reperimento di un frammento video assai raro, che intendo proporvi nel ricordo del grandissimo Giuseppe Di Stefano, nell'anniversario della sua nascita. 
Esattamente due anni fa, Josep Carreras ha ricevuto a Filetto, presso Villafranca in Lunigiana un premio in sua memoria che il comune ha voluto istituire nel nome del legame che Di Stefano aveva con il bellissimo borgo, con quella piazza incantevole presso cui aveva portato ad esibirsi anche Carreras nel 1985.

Josep Carreras in Filetto, 2012.
A distanza di 27 anni, le parole che Josep Carreras aveva utilizzato per ricordare il suo idolo di sempre sono state molto toccanti, piene di affetto e devozione inesauribili: basti pensare che non passa giorno in cui la sua voce non lo accompagni.

Nel video potete rivivere il momento della premiazione ed il discorso del nostro tenore, mentre qui potete rileggere il post sull'evento.

 Ricordo bene che nel corso della serata si era fatto riferimento a quell'occasione in cui Pippo aveva portato il suo giovane collega e degno continuatore del suo stile di canto, in quella stessa piazza a lui tanto cara, al loro soggiorno in un camping nei pressi, dopo aver cantato insieme all'Arena di Verona la notte precedente. L'evento era il gala di beneficenza Opera for Africa del 18 agosto, presentato dallo stesso Carreras nel quale si è esibito insieme a tantissimi colleghi d'eccezione, quali Montserrat CaballéAgnes BaltsaSherrill Milnes e proprio Giuseppe Di Stefano, cui era stato affidato proprio il primo brano di apertura, I' te vurria vasà. 
Più di un anno fa ho scritto un post per questo gala veronese, sempre ispirato alla figura di Pippo: potete rileggerlo se volete, e riguardarvi i bellissimi video compresi qui.

Giuseppe Di Stefano and Josep Carreras. Verona, 1985.
Ora arrivo al dunque. Tempo fa mi è capitato di scoprire questo video su YouTube, che comprende spezzoni di un recital di Giuseppe Di Stefano in Italia risalente al 1985, durante in quale si è esibito anche Josep Carreras. Tanto lo scenario, quanto alcuni dettagli resi espliciti da Di Stefano come il riferimento al gala di Verona nel giorno precedente, ed il desiderio di portare "uno dei più simpatici e prestigiosi tenori del momento" sembrano farlo coincidere esattamente con la ricordata esperienza a Filetto. Sarà lui stesso a confermarlo verso la conclusione della sua performance, prima di lasciare spazio al suo ospite d'onore, sottolineando il "grande regalo" che fa agli amici di Villafranca, di Filetto e dintorni, con la sua presenza.

Non lasciatevi ingannare dal titolo del video, procedete fino al minuto 9:37. Troverete Josep backstage, che accenna al fatto come sia la sera il momento migliore per cantare, una serie di brani di Tosti interpretati da Di Stefano, tra cui Apri, Non t'amo più: si tratta di un compositore "molto amato anche dall'ospite d'onore", come commenta il tenore, cui ha dato la precedenza nella scelta dei brani. Altre due canzoni napoletane, tra cui Silenzio cantatore, prima di presentare il suo ospite dicendo "Questa sera gli applausi vanno a José Carreras". Tanto come a Verona, lo scambio tra loro è visibilmente affettuoso: sono evidenti l'attenzione ed il riguardo di Pippo nei confronti di Josep, e lo sguardo di quest'ultimo, molto simile a quello che abbiamo scorto sul volto molti grandi tenori dell'attualità, come Rolando Villazón o Jonas Kaufmann, quando si sono esibiti con lui negli ultimi anni.
"Mi hanno messo davanti al pianoforte... sono costretto a cantare", le parole d'esordio di Josep prima di cimentarsi in un altro grande brano di Tosti, Segreto. È un vero peccato che il video sia tagliato, altrimenti avremmo potuto godere di qualche altro gustoso scambio di parole tra i due, come quello che trapela prima del brano successivo, il napoletano Fenesta che lucive.
Questa ovviamente è solo una parte di questa straordinaria serata a Filetto, ricordata due anni fa nella prima edizione del Premio Giuseppe Di Stefano che, questa sera nella sua terza, verrà assegnato al grande Leo Nucci.
Sicuramente ci saranno stati altri brani, e magari qualche duetto... questo sì, sarebbe stato veramente straordinario da vedere. Tuttavia, il modo in cui Di Stefano gli cede la scena, l'atteggiamento quasi paterno nei suoi confronti, il passaggio tra le due voci, sembra proprio indicare il trasmettersi di un'eredità artistica verso un giovane e devoto discepolo, figlio per la chiarezza della dizione, per la passione per l'eleganza del fraseggio, per l'interpretazione coinvolgente e le squisite sfumature, per la generosità e l'istintiva comunicatività del canto.
È con questo reperto che oggi vorrei dire:
BUON COMPLEANNO PIPPO!!

ENGLISH:

The reason for today's post is an extremely rare video excerpt I would like to dedicate to the memory of the great Giuseppe Di Stefano, on the anniversary of his birth.
Exactly two years ago, Josep Carreras received in Filetto, nearVillafranca in Lunigiana, Italy, an award in his memory that the municipality wanted to institute in the name of the bond that Di Stefano had with the beautiful village in Tuscany, with that charming square in which he had brough Carreras to perform with him  in 1985. 27 years later, the words that Josep Carreras had used to remember his idol were, as usual,very touching, full of affection and inexhaustible devotion: in fact, there is not a single day in which he does not listen to him.
In the first video above, you can relive the moment of his speech and the awarding of the prize, while here you can read again the post about the event.
I well remember that during the evening it had been made ​​reference to that occasion in which Pippo had brought his young colleague and a worthy successor of his singing style, in the same place so dear to him, to their stay in a campsite nearby, after singing together at the Arena di Verona the night before. The event was the charity gala Opera for Africa held on 18 August, presented by Carreras himself, in which he performed with many other exceptional colleagues, such as Montserrat Caballé, Agnes Baltsa, Sherrill Milnes and of course Giuseppe Di Stefano, which had been assigned the opening song, I 'te vurria Vasa.
Over a year ago I wrote a post for this gala in Verona, once again dedicated to Giuseppe Di Stefano: you can read it again if you want, and watch the beautiful videos included as well, here.
Now coming to the point. Some time ago I happened to find this video on YouTube, which includes clips from a recital Giuseppe Di Stefano offered in Italy, dating back to 1985, during which Josep Carreras performed as well. Both the set, some details made ​​explicit by Di Stefano, as the reference to the Verona gala of the day before, and the desire to bring "one of the nicest and most prestigious tenors of the moment", seem to exactly correspond to the remembered experience they shared in Filetto. 
It's the italian tenor who confirms it in towards the end of his performance, before giving way to his guest of honor, emphasizing the "great gift" Carreras made to the friends of Villafranca, Filetto and its surroundings, with his presence.
Do not be ticked by the title of the video, and go up to the minute 9:37. You will find Josep backstage, referring to the fact that night is the best time for singing, followed then by some excerpts of Di Stefano's performance, a series of songs by Tosti including Apri and Non t'amo più: this is a composer "so much loved by our guest of honor as well", he points out, to which he had given priority in the selection of songs. Then, three Neapolitan songs, including Silenzio cantatore and I' te vurria vasà, before introducing his guest by saying "Tonight the ovations go to José Carreras".
Just like in Verona, the exchange between them is visibly affectionate, and we can notice Pippo takes care of Josep, and the look of the latter, very similar to what we saw on the face of the many great tenors of today, like Rolando Villazón or Jonas Kaufmann, when they performed with Carreras in recent years.
"They put me in front of the piano... so I have to sing!": these are Josep's opening words before he performs one more great song by Tosti, Segreto. It's a shame that the video is cut, otherwise we would have been able to enjoy some other funny cross talk between the two, as the one interrupted before the next song, the Neapolitan Fenesta che lucive.
This of course is just a small part of that extraordinary evening in Filetto, remembered two years ago in the first edition of the Giuseppe Di Stefano Award , tonight in its third one, to be assigned to the great Leo Nucci. For sure, there were more songs, and maybe some duets... yes,that would have been really amazing to listen to and watch. However, the way in which Di Stefano left him on the stage, his almost paternal attitude towards him, the pass between the two voices, seem to indicate the handing down of an artistic heritage to a young and devoted disciple, his son for clarity of his diction, for the passion and the elegance of his phrasing, for the engaging interpretation and exquisite nuances, for the generosity of his instinctively communicative singing. It is with this that today I say: HAPPY BIRTHDAY PIPPO!!

No comments:

Post a Comment

Recent comments