21/04/2013

"Il Video della Settimana": Josep Carreras sings "Aprile" by Francesco Paolo Tosti (Oviedo, 1981)

Benvenuti per un nuovo Video della Settimana.

Come sapete questa settimana l'attenzione era rivolta verso il concerto che Josep Carreras ha offerto in Taiwan insieme a Jackie Evancho e David Giménez, un concerto definito appunto intergenerazionale visto l'accostamento del grande tenore ad un giovanissimo talento appena sbocciato. Se volete approfondire vi rimando al post precedente che è stato dedicato alla review completa. 

Per quanto mi sia sforzata e abbia svolto ricerche non ho trovato ricorrenze particolari in questa settimana, la qual cosa ha notevolmente complicato la mia scelta di oggi. Ho dovuto compiere un ragionamento diverso, mirato ad equilibrare le proposte dell'ultimo periodo, cercando di variare il più possibile. Inizialmente avrei desiderato moltissimo rendere omaggio al grandissimo direttore d'orchestra Sir Colin Davis, scomparso una settimana fa, ma intendo trovare un'occasione più adatta per farlo come intendo fare. Altra possibilità momentaneamente scartata. Per farla breve, ho pensato di optare al repertorio di recital, e in quello stesso momento le note di una canzone hanno riempito i miei pensieri: "È l'april!". Escludo che il motivo per il quale improvvisamente abbia pensato a proprio a questo brano sia la coincidenza del mese, ma tutt'ora non capisco come sia arrivata proprio ad Aprile. Mi arrenderò al fatto che sia semplicemente una casualità, per rivolgere adesso l'attenzione alla canzone stessa.


Aprile è una romanza del repertorio romantico su musiche del compositore abruzzese Francesco Paolo Tosti e testo di Rocco Emanuele Pagliara. Quello di Tosti è un nome estremamente ricorrente in quanto autore di diversi tra i brani che costituiscono i programmi di recital e concerti di Josep Carreras, il quale non ha mai fatto mistero della sua particolare predilezione per questo compositore. Difficilmente v'è occasione in cui non compaia una canzone di Tosti.
È vero anche che Aprile non è effettivamente tra le sue romanze più note, il che rende ancora più enigmatica la ragione, se di ragione si tratta, della mia scelta di oggi. C'è però un'occasione particolare che mi rimanda proprio a questo brano, ed è proprio il recital che Josep Carreras ha cantato presso il Teatro Campoamor di Oviedo il 10 di settembre del 1981. Come vedete, nessun anniversario... ma non è sempre indispensabile quando si tratta di qualcosa di bello.

Josep Carreras singing in Oviedo, 1981.
È una motivo romantico, musicalmente molto fresco e allegro che dipinge perfettamente la stagion d'amore cui fa riferimento il testo,  il profumo di primavera, i prati in fiore e le farfalle candide.

Josep Carreras lo esegue con estrema dolcezza, e dalla sua parte aveva quell'epoca dorata in cui la sua voce godeva del massimo splendore: quel suo timbro inconfondibile conferisce ulteriore spessore anche ad una canzone apparentemente leggera come questa, in cui come sempre risalta il delizioso fraseggio ed un innegabile buon gusto e senso interpretativo che gli suggerisce di apportare sfumature particolari, pronunciando marcatamente le consonanti sonore, coniugando magistralmente i passaggi più delicati come quelli più vigorosi come in "È l'april!" che ripete senza mai trascurare la componente più romantica.  Che meraviglia!! Godetevelo!!!

Spero abbiate apprezzato la mia scelta di oggi. L'appuntamento è per domenica prossima con un nuovo video. Buona settimana a tutti!!

Key facts:


Welcome to a new Video of the Week.

As you know, this week our attention was directed towards the concert Josep Carreras offered in Taiwan along with Jackie Evancho and David Giménez, a correctly defined intergenerational concert which greatly combine our extraordinary tenor to a very, very young talent just blossomed. If you want to know more, I  suggest you to read the previous post containing the full review, videos and much more.
No matter how much I have been looking for special anniversaries this week, I have found none, and of course this complicated my choice process for today. I had to make a different kind of reasoning, which aimed to balance my latest proposals, trying to vary as much as possible. Initially, I wanted very much to pay homage to the great conductor Sir Colin Davis, who passed away a week ago, but I prefer to find a most suitable occasion to do it my best. One more possibility momentarily discarded. Long story short, I decided to choose from the recital repertoire, and at that moment the notes of a song filled my mind: "È l'april". Rule out that the reason why I suddenly thought of this song is just the coincidence of the current month, but still do not understand how I ended up with Aprile. I surrender to the fact that it simply happened by chance,  and now turn my attention to the song itself.
Aprile is a romance of the Romantic repertoire composed by Francesco Paolo Tosti with lyrics by Rocco Emanuele Pagliara. The name of Tosti is actually extremely recurrent, as he is the author of several of the songs making up Josep Carreras' recital and concert programs: in addition, our tenor has never made any secret of his particular fondness for this italian composer. Rarely happens that he does not sing at least one song by Tosti throughout a performance. It is definitely true that Aprile is not actually one of  his most famous romances, which makes it even more enigmatic thereason, if it is a reason, of my choice for today. But there is a special occasion that reminds me this very song, and it is a recital that Josep Carreras sang at the Teatro Campoamor in Oviedo on September 10, 1981. As you can well notice, no anniversary ... but it is not always necessary if we talk about something nice, anyway.
It is a romantic song, musically very fresh and cheerful that paints perfectly the season of love (la stagion d'amore) which the lyrics refer to, as well as the scent of spring, blooming flowers and candid butterflies.
Josep Carreras performs it very gently, and what favoured was also that golden period in which his voice was in its maximum splendor: the unique timbre also gives further depth to an appearently "light" song as this one, which as ever stands out his delicious phrasing, an undeniable good taste and sense of interpretation that suggests him to make special nuances, marking some voiced consonants, and masterfully combining the most delicate passages as the most vigorous as in "È l'april!" he repeats a few times without ever neglecting the most romantic essence of it. Marvellous!! Enjoy it!

Hope you have appreciated my proposal of today. See you next Sunday with a new video. Wish you all a nice week!!

No comments:

Post a Comment

Recent comments